Archivi tag: cucinare

Cubo-coccolato soffice

“Il cioccolato è materia viva, ha il suo linguaggio interiore. Solo quando si sente oggetto di intima attenzione, e solo allora, esso cessa di ammaliar la gola e si mette a dialogare con i sensi”.
– Alexander Von Humboldt –

 
Croce e delizia della mia vita, privazioni ed abbuffate, odio ed amore… la tragica dicotomia del cioccolato!

Continua a leggere

Annunci

Muffins alla banana e kiwi

“Si può facilmente perdonare un bambino che ha paura del buio, la vera tragedia della vita è quando gli uomini hanno paura della luce”.
– Platone –
✨Buona giornata di luce…e di muffins!✨

Continua a leggere

Purple cream: Crema di cavolfiore viola

Lo scorrere del tempo è davvero incontrollabile, soprattutto a Milano!
Pian pianino però sto cercando di far quadrare tutto e posizionare i tasselli della mia vita nel “posto giusto”! (Se esiste poi un posto giusto!)
Ho iniziato a lavorare in un ristorante (Osteria al 55) con uno chef che non solo è un maestro in cucina, ma nella vita in generale…oltre ad essere una meravigliosa persona (magari tornerò a parlarvi di lui meno frettolosamente!)!
Ho trovato un box di CrossFit che, seppur ad un’ora da casa, sta diventando la mia seconda casa!
Ho ripreso (finalmente) a scrivere nel blog!
Ho…ho trovato una parvenza di stabilità, anche se sono solo all’inizio…

Continua a leggere

Vegan cheese biscuits -biscottini salati al formaggio vegan

“Che cosa succede se io bacio tutti i luoghi del tuo corpo che ti hanno insegnato ad odiare?
Cosa succede se poso le mani su di te e le lascio così,
abbastanza a lungo finchè il mio calore aderisce al tuo
e tu dimentichi che fra la mia pelle e la tua c’è spazio?
Che cosa succede se mi piace tutto ciò che ti hanno detto di detestare e passo le mie giornate a sporcare il tuo cervello ben lavato?
Che succede se ti mostro nuove immagini di te stessa che hai accuratamente evitato di vedere allo specchio?
E se ti dicessi che tutto quello che dicono è sbagliato
e iniziassi a riempire le tue orecchie con parole vere
in una lingua che conosci ma hai smesso di parlare?
Che cosa succede se pianto nuovi fiori
nei luoghi ispidi dentro di te
e ti insegno i loro nomi e le stagioni della loro fioritura?
Che cosa succede se ti chiedo di non reciderli e permettere che invadano le tue vie e decorino tutta la tua vita?
Succede che non ti permetto di dimenticare mai che non sei altro che bellezza”.
-Tyler Knott Gregson-
vegan, vegano, veg, gluten free, senza glutine, farina di miglio, farina di riso integrale, formaggio spalmabile, facile, formine, impastatore, veloce, ricette, cucina, biscotti salati, planetaria, intolleranze,

Continua a leggere

Ciambella di zucca al profumo di rosmarino e arancia

“El mundo es eso -reveló- un montón de gente, un mar de fueguitos.

Cada persona brilla con luz propia entre todas las demás.
No hay dos fuegos iguales. Hay fuegos grandes y fuegos chicos y fuegos de todos los colores. Hay gente de fuego sereno, que ni se entera del viento, y gente de fuego loco que llena el aire de chispas. Algunos fuegos, fuegos bobos, no alumbran ni queman; pero otros arden la vida con tanta pasión que no se puede mirarlos sin parpadear, y quien se acerca se enciende.
Il mondo è fatto così – , rivelò. – Un mucchio di gente, un mare di fuocherelli.
Ogni persona brilla di luce propria in mezzo a tutte le altre. Non esistono due fuochi uguali. Ci sono fuochi grandi e fuochi piccoli e fuochi di tutti i colori. C’è gente di fuoco sereno, che non si cura del vento, e gente di fuoco pazzo, che riempie l’aria di faville. Certi fuochi, fuochi sciocchi, non fanno lume né bruciano. Ma altri ardono la vita con tanta passione che non si può guardarli senza strizzare gli occhi; e chi si avvicina va in fiamme”.
– E. G. –

Continua a leggere

Barretta di sesamo croccanti

“Gli uomini”, disse il piccolo principe, “si imbucano nei rapidi, ma non sanno piu’ che cosa cercano. Allora si agitano, e girano intorno a se stessi…”
E soggiunse:
“Non vale la pena…”
Il pozzo che avevamo raggiunto non assomigliava ai pozzi sahariani”.
I pozzi sahariani sono dei semplici buchi scavati nella sabbia. Questo assomiglia a un pozzo di villaggio. Ma non c’era alcun villaggio intorno, e mi sembrava di sognare.
“E’ strano”, dissi al piccolo principe, “e’ tutto pronto: la carrucola, il secchio e la corda…”
Rise, tocco’ la corda, fece funzionare la carrucola. E la carrucola gemette come geme una vecchia banderuola dopo che il vento ha dormito a lungo.
“Senti”, disse il piccolo principe, “noi svegliamo questo pozzo e lui canta…”
Non volevo che facesse uno sforzo.
“Lasciami fare”, gli dissi, “e’ troppo pesante per te”.
Lentamente issai il secchio fino all’orlo del pozzo. Lo misi bene in equilibrio. Nelle mie orecchie perdurava il canto della carrucola e nell’acqua che tremava ancora, vedevo tremare il sole.
“Ho sete di questa acqua”, disse il piccolo principe, “dammi da bere…”
E capii quello che aveva cercato! Sollevai il secchio fino alle sue labbra. Bevette con gli occhi chiusi. Era dolce come una festa. Quest’acqua era ben altra cosa che un alimento. Era nata dalla marcia sotto le stelle, dal canto della carrucola, dallo sforzo delle mie braccia. Faceva bene al cuore, come un dono. Quando ero piccolo, le luci dell’albero di Natale, la musica della Messa di mezzanotte, la dolcezza dei sorrisi, facevano risplendere i doni di Natale che ricevevo.
“Da te, gli uomini”, disse il piccolo principe, “coltivano cinquemila rose nello stesso giardino…” e non trovano quello che cercano…”
“Non lo trovano”, risposi.
“E tuttavia quello che cercano potrebbe essere trovato in una sola rosa o in un po’ d’acqua…”
“Certo”, risposi.
E il piccolo principe soggiunse:
“Ma gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare col cuore”. ❤

Continua a leggere

Plum-rice-cake

Siamo già nel 2016 ed è ormai passato un anno e mezzo da quando ho aperto il blog…eppure sembra ieri!

Quante cose sono cambiate in questo periodo, ma in primis ciò che davvero ha subito una metamorfosi è la mia anima…e negli ultimi mesi anche la mia vita!

7 anni fa ho imboccato questo sentiero, credevo che sarebbe stata una strada solo in salita, costellata da privazioni e rinunce alla socialità…invece ho scoperto un mondo fatto di fantasia, colori e tanta, tanta, ma davvero tanta energia positiva!

Ho conosciuto persone a dir poco meravigliose, ho condiviso sorrisi, fatiche ed emozioni.

Ho aperto il mio cuore allo scorrere degli eventi, senza cercare di comandarlo, ho lasciato che la mia vita fosse trasportata dalle onde del tempo e pare che, finalmente, le cose stiano prendendo forma!
Ho capito che la felicità non va rincorsa a tutti i costi, ma è dentro di noi, basta solo liberarla, toglierle le catene e farla diventare uno stile di vita!
Ho capito che per amare gli altri bisogna prima imparare ad amare noi stessi, anche se, in alcuni momenti, faccio ancora fatica.
Ho capito che non c’è niente da capire, ma tutto da scoprire e riscoprire e ri-riscoprire…e poi ancora scoprire per lasciarci sorprendere, sempre e comunque..

 

 

Continua a leggere